SANT'ANTONIO ABATE

Agli inizi degli anni Trenta del secolo scorso, venne intrapresa una politica di sviluppo agricolo che coinvolse tutta la regione della Nurra, che all'epoca si trovava praticamente spopolata e decisamente poco accogliente. L'opera di bonifica del territorio venne affidata all'Ente di Colonizzazione Ferrarese, che sin dal 1934 insediò i primi coloni, provenienti dall'Emilia. Questi realizzarono la cappella, originariamente dedicata a Santa Maria Ausiliatrice, presso la quale potevano assistere alla celebrazione domenicale. Nel corso degli anni, nel vasto territorio si svilupparono varie borgate, tra cui quella di Santa Maria la Palma, fondata nel 1952 ed i cui abitanti frequentavano la cappella dell'Ausiliatrice, sino alla realizzazione, nel 1954, della propria chiesa. All'epoca, un gruppo di giovani dell'Azione Cattolica, decise di dedicare il piccolo luogo di culto a Sant'Antonio Abate e l'allora parroco don Costantino, si attivò insieme alla popolazione che era sempre più numerosa, all'ampliamento del minuscolo edificio. Venne acquistata la statua del Santo e furono attuati i lavori di miglioria. Essendo stata la prima chiesa nel periodo delle bonifiche agrarie, ad essa i discendenti dei primi coloni sono molto legati ed il Santo è stato eletto protettore dei loro campi. Tra le curiosità, riportiamo che nel 1953 venne celebrato l'ultimo matrimonio, dopodiché il titolo parrocchiale passò alla chiesa di Santa Maria la Palma.

La festa
La sera del 16 gennaio, viene acceso il falò con l'accensione del fuoco e la partecipazione ad un banchetto. La mattina seguente, dopo la messa, si partecipa alla processione ed alla benedizione dei campi.
Regolarmente viene officiata la messa domenicale

Come si raggiunge
Si trova in località Gutierrez, a meno di 4 km da Fertilia. Imboccare la Statale 291 in direzione Santa Maria La Palma e svoltare sulla sinistra seguendo la segnalazione posta tra i km 30 e 31